“Buongiorno nonno.” “Buongiorno Kiriku’. Come ero ansioso di vederti.” “Anche io, nonno. Ho avuto paura che il termitaio non si aprisse.” ” E cosa avresti fatto se non si fosse aperto?” “Avrei fatto un buco e sarei entrato comunque. Avevo quello che ci vuole. E’ il pugnale di mio padre.” “Lo so, sono io che gliel’ho regalato.” “Nonno io sono piccolo e vorrei essere grande.” “E quando sarai grande, vorrai essere piccolo. Oggi tu sei piccolo e sei potuto entrare dove nessun altro avrebbe potuto. Rallegratene. Domani, quando sarai grande, non dimenticare di rallegrarti di essere grande.”

“Nonno posso mettermi sulle tue ginocchia? A volte sono un p├▓┬ástanco di essere sempre solo a battermi. E mi sento un p├▓┬ápiccolo. E ho un p├▓ di paura. Nonno…” “Si bambino mio?” “Puoi darmi un amuleto contro la strega?” “No la tua forza ├Ę nell’assenza di amuleti. La strega conosce il mondo degli amuleti e si prende gioco degli uomini che si credono┬áprotetti e non diffidano pi├╣. Invece lei non sa cosa fare davanti all’innocenza nuda e cruda e ad un’intelligenza sempre vigile e libera.”

“Kirik├╣ e la strega Karab├á” di Michel Ocelot

Share:

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.